Interessantissimo seminario su:
“Perché l'Antartide”
Le spedizioni scientifiche Italiane al polo sud
Presso la sede della Biblioteca

BENEDETTO CROCE

L'interesse odierno per l'Antartide è certamente da attribuire alla nostra congenita curiosità. Sempre l'uomo è affascinato dall'ignoto, ma è alimentato anche da motivi scientifici, economici, geopolitici. L'Antartide è l'unico continente ancora in gran parte inesplorato. Per la posizione geografica, le caratteristiche fisiche, la distanza dalle fonti d’inquinamento e la quasi totale assenza di perturbazioni antropiche, sono uno dei luoghi privilegiati per un'osservazione globale del pianeta.


Come si ricorderà la nostra Sezione nel mese di febbraio del 2012 ha installato e operato la stazione radio IQ8NA/P sull’edificio del C.N.R. di via P. Castellino in occasione della “9 th Antarctic Activity;Week” nell’ ambito dell”Operazione Antartico”che ha avuto un discreto successo considerato anche i tempi stretti per organizzare evento dovendo ottenere i necessari permessi per poter operare presso il C.N.R.
Successivamente si impegnato ad organizzare un seminario con la finalità di illustrare ai radioamatori quali fossero gli aspetti di una spedizione scientifica ai poli, in genere nello specifico nell’ Antartide; per far comprendere gli OM cosa c’e dietro un mero collegamento radio effettuati comodamente nel proprio shack.

Sfruttando le sue conoscenze nell’ ambiente del C.N.R. si son facilmente contattati due ricercatori che hanno fatto parte dell’ultima spedizione effettuata nell’ambito del programma PNRA (Programma Nazionale di Ricerche in Antartide) quindi C.N.R. /ENEA a cavallo del 2011 e 2012 i due ricercatori , Ennio Cocca e Roberta Russo dell'Istituto di Biochimica delle Proteine del CNR di Napoli che si occupa di biologia marina, hanno accettato ben volentieri di raccontare oltre le loro attività di ricerca ,come ci si prepara ad una “spedizione” superando una serie di “test “psicoattitudinali, sia come si svolge la vita in una base polare … fuori delle ore di lavoro.

Spiega il Dott Ennio Cocca praticamente

“L’Antartide, il continente bianco, è un vero e proprio deserto di ghiaccio. Qui si incontra la vita solo lungo le coste, rappresentata da uccelli e mammiferi marini.”
Nascosta sotto l’acqua dell’Oceano Antartico, che per buona parte dell’anno è ghiacciata ed estende la superficie del continente quasi a raddoppiarla, vi è un’incredibile varietà di organismi. Tra questi vi sono un gruppo di pesci, i Nototenioidei, che si sono evoluti in questo ambiente nel corso di milioni di anni, e sono molto interessanti per i loro adattamenti molecolari. La temperatura alla quale vivono si mantiene costantemente sopra i -2 °C, e sono così sensibili a queste condizioni che una esposizione a temperature di poco maggiori ne provoca la morte. importante caratteristica del loro ambiente è l’alta concentrazione di ossigeno che ha reso possibile l’evoluzione della famiglia degli “icefish” che, unica tra tutti i vertebrati, ha perso la capacità di sintetizzare l’emoglobina. Le peculiarità di questi pesci hanno attratto un’attenzione sempre crescente di ricercatori da tutto il mondo. Fra questi, un gruppo di napoletani che, grazie al PNRA (Programma Nazionale di Ricerche in Antartide), ha la possibilità di andarli a studiare direttamente nel loro habitat.

In Particolare la dott.ssa Roberta Russo ha spiegato come si svolgono le Selezioni ed addestramento del personale che dovrà partecipare alle Spedizioni in Antartide
A queste selezioni ha preso parte personale proveniente da: CNR, ENEA, Università, Forze Armate, ecc…

Scopo del corso l'introduzione alle problematiche di vita e attività in ambienti estremi inclusi movimento, accampamento, sopravvivenza e soccorso. Quindi si è spiegato come si svolge la selezione del personale per la spedizione è oltre che sulla base delle professionalità necessarie allo svolgimento dei programmi, sulla base corsi di ambientamento; visite mediche. Gli accertamenti clinici sono stati effettuati presso il Centro specializzati dalla Scuola Militare Alpina .
In oltre si son spiegati quali sono le finalità del PNRA. La programmazione scientifica e finanziaria, le linee d’indirizzo la programmazione, definita dalla Commissione Scientifica Nazionale per l'Antartide, seguenti tematiche di ricerca interdisciplinari come: Cambiamenti globali, Processi climatici, Biodiversità e adattamento evolutivo, Adattamento dell'uomo agli ambienti estremi, Struttura ed evoluzione dell'ecosistema oceanico. Osservatori permanenti L'Antartide e la tettonica globale, Space weather ed astrofisica Il programma scientifico prevede l'esecuzione di Spedizioni in Antartide, con attività da svolgersi presso la Stazioni Mario Zucchelli (sulla costa, a Baia Terra Nova), la Stazione Concordia (sul plateau antartico, a Dome C), nonché presso Basi e/o Navi straniere, e nell'ambito di Campagne Oceanografiche nel Mare di Ross.

Si son accennate a quelle che sono le principali differenze tra i due poli a livello geografico-fisico fra le due regioni, Infatti esistono delle differenze e si può ripetere la nota affermazione secondo la quale l'Artide dove risiede il polo NORD è un mare ghiacciato circondato da lembi di continenti, mentre l'Antartide, dove risiede il polo SUD è un continente ricoperto da ghiaccio e circondato dal mare ghiacciato. Più precisamente: L'Artide include parti di Russia, Alaska, Canada, Groenlandia, Islanda, Lapponia, e Norvegia (assieme alle isole Svalbard), come naturalmente l'oceano Artico. L'isoterma di 10°C (50°F) di Luglio è considerata il confine di questa regione.
Si è fatta una carrellata da un punto di vista storico delle spedizioni pioneristiche sia del polo nord Scoperto nel 1909 da parte dell’americano Robert Edwin Peary (1856-1920), conteso da Frederick Cook, aveva sostenuto a sua volta, con un telegramma spedito dalle isole Shetland, di aver raggiunto il Polo il 21 aprile 1908.

 

Mentre l’Antartide: fu scoperto da Amundsen e Scott. Nel 1911 Il primo raggiunse il polo sud geografico per la prima volta nella storia dell’uomo il secondo meno fortunato morì insieme ai propri compagni di spedizione dopo aver raggiunto qualche giorno dopo il medesimo obiettivo. Amundsen, l’uomo che sognava di conquistare il polo nord e che si ritrovò invece a guidare le sue slitte agli antipodi, verso il punto più a sud del mondo.

Tutto si e svolto con grande partecipazione del pubblico che con interesse ha seguito le spiegazioni ponendo interessanti domande

L ’incontro si è concluso con un omaggio di IK8VRQ Angelo Marcone che ha proiettato il video di VK0IR la spedizione a HEARD ISLAND in Antartide del 1997, oltre a portaci i saluti di Massimo De Paola, che delle spedizioni del PNRA” 2011-12 è uno dei responsabili della logistica conosciuto anche come IW0HEU- che spesso esce in aria con in nominativo II0MZ nominativo speciale della base “Mario Zucchelli “
Ci si augura di poter effettuare altri “seminari “che possano destare l’interesse del mondo radioamatoriale presso l’accogliente sede della Biblioteca “Benedetto Croce “ in via Francesco De Mura al Vomero .

73 de Claudio ik8lvl

 

 

CHIIUDI

 

 

 
 
 
Copyright © - 2010 Sezione ARI Napoli - Tutti i diritti riservati - Sito curato da Oreste ik8urc