La Notte dei Ricercatori
I Radioamatori di Napoli a Città della Scienza
27 SETTEMBRE 2013

La Notte dei Ricercatori è un'iniziativa promossa dalla Commissione Europea fin dal 2005 che coinvolge ogni anno migliaia di ricercatori e istituzioni di ricerca in tutti i paesi europei con l'obiettivo di creare occasioni d’incontro tra ricercatori e cittadini per diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca in una situazione informale e stimolante. Per l’Italia l'Ente governativo che cura questo evento è Il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) Infatti, per tale occasione anche alcune strutture del CNR sono state aperte al pubblico per visite guidate ai laboratori, con esperimenti dal vivo, Convegni e Seminari. La serie di appuntamenti è terminata con un incontro-dibattito dedicato ai novanta anni del CNR.
Per l’anno in corso il progetto ha coinvolto in Italia 7 progetti per un totale di 31 città: a Napoli la sede per l’evento era quasi scontata : Bagnoli - “Città della Scienza “, a dimostrazione della vitalità e della voglia di “rialzarsi” dopo le note nefaste vicende che hanno coinvolto la struttura.
Il 4 settembre, alla riapertura della sede della Sezione, IK8LVL Claudio propone di partecipare alla manifestazione; i tempi sono stretti ma per fortuna ancora Claudio, funzionario del CNR, fornisce le indicazioni per l'accredito presso la struttura.
Il 18 settembre giunge finalmente l'agognata conferma scritta: la Sezione di Napoli rappresenterà ufficialmente i radioamatori. Il 23 successivo abbiamo l'incontro con la gentilissima Dr.ssa Drioli dove vengono stabilite le modalità di partecipazione e la allocazione della postazione.

Nel pomeriggio del 26, anche con l'aiuto di diversi amici anche non appartenenti alla Sezione, montiamo il gazebo e la stazione composta da FT1000MP MkV, IC706 MkII, bibanda Alinco, accordatore automatico LDG, accordatore manuale DAIWA, dipolo G5RV, verticale HF Hoxin, Vertcale VHF Lemm ed un dipolo rotativo 10/80 PKW; per le dimostrazioni su telegrafia e autocostruzione, un piccolo oscillatore di nota homemade ed il relativo tasto.
L'evento è diviso in due parti: la prima dedicata alle scuole con diverse classi di studenti liceali; la seconda, serale, è indirizzata ad un pubblico adulto.
Il 27 alle 08.00 siamo già sul posto, verifichiamo le attrezzature e testiamo gli apparati. Dalle 09.00 arrivano gli studenti del Liceo Scientifico "Nitti" di Napoli ed iniziamo l'attività divulgativa.

 

Il tempo è tiranno perché la scaletta prevede circa 20 minuti di attività per ogni classe altrimenti non tutti i gruppi avrebbero potuto visitare tutti gli stand.
Non ci perdiamo d'animo ed iniziamo ad illustrare l'attività dei radioamatori da Marconi in poi. La tecnologia dalle valvole ai transistors fino ai più recenti sistemi di integrazione tra radio e computer. Né si è trascurata una breve dimostrazione sulla rilevanza ancora oggi della telegrafia. Nel merito particolare bisogna dire che i ragazzi si sono dimostrati molto attenti e incuriositi proprio dal tasto telegrafico. Ed ancora abbiamo proseguito evidenziando come i radioamatori si sono rivelati indispensabili anche in tempi molto recenti nelle situazioni d'emergenza, quando le normali comunicazioni risultavano inesistenti o danneggiate dalle calamità.
Molto velocemente siamo passati alla fase più attiva del programma con l'ascolto dei 20 e 40 metri dove abbiamo spiegato come, pur parlando lingue, diverse riusciamo comunque a scambiarci le più varie informazioni; quando poi abbiamo trasmesso ed usato il codice "Q", il 59 ed il 73, con grande soddisfazione, siamo stati subissati di domande e noi, ben volentieri, abbiamo cercato di soddisfare la loro curiosità.

I gruppi di studenti si sono alternati tra i vari stand fino alle 13.30 circa quando questa prima fase dell'evento è terminata.
Ciò ha consentito agli "oratori" di schiarirsi un poco la voce perché dopo 4 ore a parlare senza pause ci sembrava di partecipare ad un contest.
Nel tiepido pomeriggio si riaprono i cancelli e questa volta abbiamo a che fare con un pubblico più tranquillo che però sovente ha dimostrato verso noi radioamatori la stessa curiosità dei ragazzi della mattinata.
Dopo le 23.00 il pubblico incomincia a diradarsi complice anche una forte umidità dovuta alla vicinanza del mare.
La "Light 2013" può considerarsi conclusa e noi stanchi ma pienamente soddisfatti togliamo letteralmente le tende.
É doveroso qui rivolgere un caloroso ringraziamento alla Dr.ssa Alessandra Drioli, Coordinatrice dei Progetti di Musealizzazione di "Città della Scienza", senza la quale non avremmo potuto effettuare l'attività ora descritta. Cito, per gli stessi motivi e sperando di non dimenticarne alcuno, IK8LVL Claudio, I8TX Mario, I8KAW Gianfranco, IZ8EWB Gianluigi, IZ8GDC Pasquale, IU8ADN Giacomo presenti ed attivi operatori, I8RPL Paolo e IK8QQM Luigi che da casa ci hanno supportato durante le prove nonché gli amici non OM che hanno contribuito alla buona riuscita dell'evento.
Dalla Sezione di Napoli è tutto. Cordiali 73

Vittorio Borriello IK8PXZ

 

Servizio fotografico.. >

 

 

 
Copyright © - 2010 Sezione ARI Napoli - Tutti i diritti riservati - Sito curato da Oreste ik8urc